la società

edicola

documenti

eventi

SIF Magazine

per i soci

risorse online


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Liquido amniotico

Giuseppe Nocentini, Chiara Platania

Il liquido amniotico è quel liquido contenuto nell’utero e, in particolare, all’interno del sacco amniotico, formato da una membrana che protegge l’embrione e poi il feto durante tutta la gravidanza. A partire dalla 5-6 settimana di gravidanza il liquido amniotico si accumula all’interno del sacco amniotico e alla fine della gravidanza il liquido amniotico può raggiungere un volume pari 800 millilitri (cioè quasi un litro!). Il liquido amniotico ha una funzione meccanica proteggendo il feto da danni e traumi. Dal momento che il liquido amniotico ha anche rapporti indiretti con la placenta, si pensa che abbia anche funzione immunologica (cioè aiuti nella difesa dai microorganismi) e biochimica (cioè fornisce al feto sostanze utili per la crescita equilibrata). Il feto contribuisce alla formazione del liquido amniotico tramite produzione di urina. Il liquido amniotico contiene cellule provenienti dal feto; motivo per cui tecniche diagnostiche come il prelievo del liquido amniotico (amniocentesi) permettono di valutare la presenza di anomalie genetiche e cromosomiche nel feto, come la trisomia del cromosoma 21 o sindrome di Down.