la società

edicola

documenti

eventi

SIF Magazine

per i soci

risorse online


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Vaccino con patogeno intatto

Luigi Cari

Questo tipo di vaccino utilizza, per istruire il nostro sistema immunitario, lo stesso agente patogeno verso il quale ci si vuole proteggere. Molti dei vaccini utilizzati attualmente in clinica appartengono a questa categoria.1

È stato ampiamente dimostrato che questo tipo di vaccini risulta estremamente efficace nell’indurre una forte risposta immunitaria protettiva. Prima di poter essere utilizzato come vaccino, l’agente patogeno deve essere opportunamente indebolito o ucciso, in modo da renderlo innocuo e non in grado di farci contrarre la malattia di cui è agente eziologico.

Appartengono a questa categoria di vaccini:

I vaccini con agenti patogeni inattivati/uccisi: in questo caso, prima di essere inoculato, l’agente patogeno viene ucciso mediante sostanze chimiche, calore o radiazioni. Appartengono a questa categoria, ad esempio, quasi tutti i vaccini contro l’epatite A.

I vaccini con agenti patogeni vivi ma attenuati: in questo caso l’agente patogeno, prima di essere inoculato, non viene ucciso ma viene indebolito in laboratorio, questo processo rende il virus non patogeno, lasciandogli però la capacità di proliferare. Appartengono a questa categoria, ad esempio, i vaccini contro la rosolia e la varicella.

I vaccini con agenti virali o batterici chimerici innocui: In questo caso, attraverso le moderne tecniche di ingegneria genetica, vengono creati in laboratorio degli agenti patogeni chimerici, che sono degli organismi innocui modificati per “simulare” l’agente patogeno verso il quale ci si vuole immunizzare. Per fare questo vengono prima selezionate alcune delle proteine espresse dall’agente patogeno, poi queste proteine vengono “inserite” in un altro organismo innocuo, che verrà poi inoculato nell’organismo. L’utilizzo di questo tipo di approccio è ad oggi allo studio per la creazione di un vaccino contro SARS-CoV-2, inserendo una proteina di questo virus in un adenovirus innocuo.

 

Riferimento sitografico

1 https://www.niaid.nih.gov/research/vaccine-types