vai a SIF Argomenti Video Interviste Autori Pillole di Salute Chi siamo Cerca
sif-magazine-logo
g
Argomenti
Video Interviste Autori Pillole di Salute Chi siamo
Argomenti
Cerca in SIF Magazine

Ricerca e innovazione in farmacologia: giovani farmacologi crescono

19 ottobre 2023

Ricerca e innovazione in farmacologia: giovani farmacologi crescono
Iniziato diversi anni fa, la Società Italiana di Farmacologia (SIF) organizza annualmente un incontro per i giovani farmacologi.  Dottorandi, assegnisti, specializzandi, borsisti e post-Doc di tutta Italia si ritrovano per un intenso scambio di conoscenze e idee sia a livello nazionale che internazionale.  Vediamo insieme cosa è successo quest’anno all’Università di Urbino.

Di che evento si tratta?

È la riunione scientifica in cui i giovani ricercatori nelle discipline farmacologiche (che in SIF chiamiamo SIF Young Scientists) hanno l’opportunità per presentare i propri progetti e scambiare idee. Lo fanno con sessioni multidisciplinari con lo scopo di stimolare la creatività e promuovere l’innovazione nelle ricerche in ambito farmacologico. E lo fanno con il contributo di farmacologi provenienti da altre società europee di farmacologia ed esperti in comunicazione.

 

In cosa consiste la formazione e la crescita individuale per i giovani farmacologi?

Per esempio esplorare nuove linee di ricerca, stringere nuove amicizie e instaurare collaborazioni per progetti futuri. Ma anche, la possibilità di candidarsi come moderatore/moderatrice, offerta dai membri del comitato organizzatore, ha rappresentato una nuova sfida per lo sviluppo professionale e una piattaforma per l’interazione diretta con tanti colleghi di diversi atenei e centri di ricerca.

 

Quali aspetti positivi mettere in evidenza?

Il primo è certamente la scelta di organizzare la conferenza in un luogo raccolto come il Collegio Universitario di Urbino. Questa scelta ha facilitato le interazioni tra giovani ricercatori provenienti da diversi gruppi di ricerca farmacologica nazionali e internazionali.

Il secondo è stato quello di aprire l’evento alla partecipazione di farmacologi provenienti da altri Paesi come Turchia, Portogallo, Spagna e Inghilterra, arricchendo il congresso dal punto di vista scientifico e relazionale.

Un ulteriore aspetto positivo è stato l’ampio spazio dedicato ai i partecipanti per discutere argomenti di ricerca, ma anche questioni comuni affrontate nella loro quotidianità.

 

 

Quale il valore aggiunto dei Working Group?

Le discussioni nel corso dei working group hanno avuto un ruolo cruciale per far emergere la necessità di una maggiore comunicazione tra colleghi attraverso la condivisione di protocolli sperimentali e con i soci ordinari tramite programmi di mentoring e consulenza sulla stesura di grants e progetti. È inoltre emersa la necessità di armonizzare i database per facilitare ed implementare il lavoro della farmacovigilanza.

 

In quest’ottica, quali suggerimenti per i prossimi eventi?

È proprio sui Working Group che i giovani farmacologi puntano la loro attenzione, chiedendo un maggiore spazio per questi eventi, includendo le attività di supporto dei giovani ricercatori e aumentando le opportunità di confronto tra i vari soci. I giovani farmacologi ritengono di dare più spazio alla discussione per dare un'identità chiara della figura del farmacologo clinico, in ragione del suo ruolo nella gestione delle terapie innovative e sempre più complesse che vengono messe a disposizione dei pazienti.

Ti è piaciuto l'articolo?
Condividi

Potrebbero interessarti

integratori-a-base-di-vitamina-d-si-o-no-facciamo-il-punto

18 luglio 2024

Integratori a base di vitamina D: sì o no? Facciamo il punto

La vitamina D è utile per il benessere delle ossa e di altri apparati, ma sulla sua assunzione come integratore alimentare ci sono ancora opinioni discordi. Ma pe...

la-lotta-all-alzheimer-nuove-armi-per-una-battaglia-ancora-aperta

11 luglio 2024

La lotta all'Alzheimer: nuove armi per una battaglia ancora aperta

La malattia di Alzheimer colpisce circa 55 milioni di persone nel mondo. L'età è il principale fattore di rischio, con oltre il 50% degli over 85 che ne è affetto...

nella-mia-regione-non-mi-possono-prescrivere-un-farmaco-mentre-in-altre-si-perche

28 marzo 2024

Nella mia Regione non mi possono prescrivere un farmaco, mentre in altre sì. Perché?

In Italia la prescrizione di un farmaco da parte del medico prevede alcune regole fondamentali che garantiscono che il paziente venga trattato con la migliore opz...

quali-sono-i-nuovi-farmaci-utili-per-combattere-la-depressione-a-cosa-servono

7 maggio 2022

Quali sono i nuovi farmaci utili per combattere la depressione? A cosa servono?

Esistono tanti tipi di farmaci antidepressivi. I più usati fanno parte di due famiglie: quella degli SSRI (ad esempio, paroxetina e sertralina) e degli SNRI (ad e...

Dagli stessi autori

ricerca-e-innovazione-in-farmacologia-giovani-farmacologi-crescono

19 ottobre 2023

Ricerca e innovazione in farmacologia: giovani farmacologi crescono

Iniziato diversi anni fa, la Società Italiana di Farmacologia (SIF) organizza annualmente un incontro per i giovani farmacologi.  Dottorandi, assegnisti, speciali...