vai a SIF Argomenti Video Interviste Autori Pillole di Salute Chi siamo Cerca
sif-magazine-logo
g
Argomenti
Video Interviste Autori Pillole di Salute Chi siamo
Argomenti
Cerca in SIF Magazine

Si può usare il plasma dei pazienti guariti per trattare la COVID-19?

31 marzo 2020

Si può usare il plasma dei pazienti guariti per trattare la COVID-19?
Si è letto che ad pazienti guariti dalla COVID-19 è stato preso plasma (contenente anticorpi anti-SARS-CoV-2) da utilizzare come terapia per altri pazienti. Cosa c’è di vero dietro questa notizia?

Chi è esattamente il paziente "clinicamente guarito"?

Secondo il parere espresso dal Consiglio Superiore di Sanità, si definisce "clinicamente guarito" un paziente in cui sia stata inizialmente documentata la presenza del virus SARS-CoV-2 associato a febbre, tosse, rinite, mal di gola, eventualmente dispnea e, nei casi più gravi, polmonite con insufficienza respiratoria e che poi diventa asintomatico. Il soggetto, pur non presentando più i sintomi dell’infezione, può tuttavia risultare ancora positivo al test per la ricerca del SARS-CoV-2.

E il paziente "guarito" in cosa si differenzia?

Il paziente si definisce, invece, "guarito" quando non persistono più i sintomi dell’infezione da SARS-CoV-2 e risulta negativo in due test consecutivi, effettuati a distanza di 24 ore uno dall’altro.

Come possono essere utili questi pazienti per chi invece soffre dell’infezione da SARS-CoV-2?

È proprio dai pazienti guariti che sta nascendo una nuova prospettiva terapeutica. In pratica, si vuole sfruttare la comparsa della risposta anticorpale che l’organismo attiva attraverso la produzione di anticorpi virus-specifici nei soggetti che vengono infettati da SARS-CoV-2. Con questo virus, così come nella maggioranza delle infezioni di tipo virale, gli anticorpi hanno il compito di proteggere l’organismo da eventuali infezioni successive da parte dello stesso agente patogeno.

L’utilizzo di plasma da donatori sopravvissuti e che hanno sviluppato anticorpi contro il virus potrebbe potenzialmente mitigare la gravità della malattia COVID-19 e possibilmente anche prevenire la sua evoluzione verso gli stadi più gravi.

Ma chi ha il compito di produrre questi anticorpi per l'utilizzo nelle persone infette?

La strategia degli anticorpi ottenuti dal plasma di soggetti guariti dopo una infezione virale è già stata utilizzata in passato, ad esempio, in occasione dell’epidemia di Ebola. Pochi giorni fa un’azienda farmaceutica (Takeda Pharmaceutical Company Limited) ha avviato lo sviluppo di una terapia a base di plasma ottenuto da pazienti guariti, con un prodotto chiamato TAK888, i cui risultati saranno disponibili nel prossimo futuro.

Inoltre, a partire dal 12 febbraio 2020  al 26 marzo 2020, risulta che sono stati attivati ben 12 trials clinici (studi nei pazienti con COVID-19 nei quali, con metodologie opportune, viene valutata l’efficacia della terapia) sono stati registrati sul database delle sperimentazioni cliniche in Cina, al fine di testare e identificare la migliore condizione per la terapia anticorpale plasma-derivata contro il coronavirus

A parte la Cina, ci sono anche altre nazioni che utilizzano questa terapia?

Il 24 marzo 2020 anche negli USA è stato autorizzato l’utilizzo del plasma da donatori guariti dopo infezione da SARS-CoV-2, utilizzando una facilitazione che l’agenzia regolatoria americana Food and Drug Administration (FDA), ha chiamato "expanded access". Questa procedura facilita l’impiego di anticorpi ottenuti da plasma di pazienti guariti per il trattamento di pazienti gravi.

Per accelerare la procedura, la FDA ha anche previsto un’autorizzazione verbale, ottenuta con facilità con una semplice telefonata. Queste procedure non includono la possibilità di usare questo preparato per prevenire l'infezione.

Cosa accadrà quindi in Italia?

In Italia, tale strategia terapeutica è al centro di un protocollo sperimentale messo a punto in Lombardia e siglato da diversi centri regionali. Capofila dell’iniziativa è il Policlinico San Matteo di Pavia. Si sta procedendo al prelievo del plasma da alcuni pazienti guariti, mentre per l’infusione del plasma a scopo terapeutico si è in attesa dell’autorizzazione dell’Istituto Superiore di Sanità.

 

Riferimenti bilbiogafici:

http://www.chictr.org.cn/searchprojen.aspx?title=COVID-19&officialname=plasma&subjectid

 

Ti è piaciuto l'articolo?
Condividi

Potrebbero interessarti

nuove-terapie-per-il-morbo-di-crohn-dai-monoclonali-alle-cellule-staminali

16 maggio 2024

Nuove terapie per il Morbo di Crohn: dai monoclonali alle cellule staminali

Il Morbo di Crohn è una malattia infiammatoria autoimmunitaria per la quale non esiste una cura. Ci sono però nuovi farmaci e nuove prospettive. Vediamo quali.

colangiocarcinoma-il-tumore-delle-vie-biliari-ecco-le-novita-terapeutiche

9 maggio 2024

Colangiocarcinoma, il tumore delle vie biliari: ecco le novità terapeutiche

Il colangiocarcinoma è un tumore raro e aggressivo, spesso diagnosticato in fase avanzata, che presenta importanti sfide terapeutiche. La ricerca clinica e farmac...

pillola-gratis-per-tutte-le-donne-cosa-comporta-questa-novita

26 aprile 2023

Pillola gratis per tutte le donne: cosa comporta questa novità?

Si preannuncia come una svolta storica, ma il percorso che prevede la gratuità della pillola anticoncezionale non è ancora concluso. Vediamo di che si tratta.

tumore-al-seno-o-carcinoma-mammario-cos-e-e-quali-prospettive-terapeutiche-ha-oggi

24 settembre 2020

Tumore al seno (o carcinoma mammario): cos’è e quali prospettive terapeutiche ha oggi?

Seppur il tumore al seno sia il tumore più frequente nella popolazione femminile, ad oggi è uno dei tumori per il quale vi è la maggiore aspettativa di successo t...

Dallo stesso autore

si-puo-usare-il-plasma-dei-pazienti-guariti-per-trattare-la-covid-19

31 marzo 2020

Si può usare il plasma dei pazienti guariti per trattare la COVID-19?

Si è letto che ad pazienti guariti dalla COVID-19 è stato preso plasma (contenente anticorpi anti-SARS-CoV-2) da utilizzare come terapia per altri pazienti. Cosa ...