vai a SIF Argomenti Video Interviste Autori Pillole di Salute Chi siamo Cerca
sif-magazine-logo
g
Argomenti
Video Interviste Autori Pillole di Salute Chi siamo
Argomenti
Cerca in SIF Magazine

Farmaci per l’ipertensione e infezione da coronavirus (COVID-19)

20 marzo 2020

Farmaci per l’ipertensione e infezione da coronavirus (COVID-19)
È necessario modificare la terapia con anti-ipertensivi per prevenire l'infezione associata al nuovo coronavirus?

ACE-inibitori e sartani aumentano il rischio di infezione da coronavirus?

La pandemia associata al coronavirus SARS-CoV-2 si sta diffondendo in tutto il mondo e desta grande preoccupazione. In tale scenario è bene fare chiarezza su alcune notizie che sono state diffuse in merito all’eventuale necessità di cambiare terapia con alcuni farmaci anti-ipertensivi alla luce dei presunti effetti di tali farmaci sulla trasmissione e sull’evoluzione della malattia da coronavirus (COVID-19).

In particolare, sono state avanzate ipotesi che i pazienti in trattamento con ACE-inibitori (es. ramipril, lisinopril, etc.) e sartani (losartan, candesartan, etc.), anche noti come antagonisti del recettore per l'angiotensina, possano avere un maggiore rischio di sviluppare l’infezione da SARS-CoV-2 aumentando l’enzima di conversione dell'angiotensina 2 (ACE2) che è la porta di ingresso del nuovo coronavirus nelle cellule bersaglio a livello polmonare. Va precisato però che queste sono solo ipotesi basate su ricerche di laboratorio e non confermate da alcuno studio clinico.

Quali sono le raccomandazioni delle agenzie del farmaco e delle società scientifiche?

L'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), in accordo ad alcune prestigiose Società Scientifiche, quali tra le altre la Società Europea di Cardiologia, la Società Italiana di Ipertensione, e la Società italiana di Farmacologia, ha chiaramente raccomandato di non modificare la terapia in atto con anti-ipertensivi (qualunque sia la classe terapeutica) nei pazienti ipertesi ben controllati, in quanto ciò può esporre pazienti fragili a potenziali nuovi effetti collaterali o a un aumento di rischio di eventi avversi cardiovascolari quali ipertensione non controllata o ipotensione sintomatica.

Si possono usare antipertensivi per prevenire l’infezione da coronavirus?

Dall’altro lato, è stata avanzata anche l'ipotesi, sempre su base di studi di laboratorio e in assenza di dati clinici, che addirittura l'uso di sartani potrebbe proteggere contro l’infezione da nuovo coronavirus. È importante ricordare che i sartani e gli ACE-inibitori non vanno in alcun modo utilizzati da persone sane a fini profilattici, ma vanno solo ed esclusivamente utilizzati per il trattamento delle patologie per cui vi è indicazione nella scheda tecnica dei farmaci.

A cosa servono ACE-inibitori e sartani?

Gli ACE-inibitori ed i sartani sono correntemente approvati (con alcune differenze tra molecole) per il trattamento di importanti patologie croniche quali ipertensione, scompenso cardiaco, nefropatia glomerulare diabetica conclamata e prevenzione secondaria dopo infarto miocardico acuto. Ad ogni modo, è bene che tutti i pazienti in terapia con antipertensivi e in particolare coloro che sono in trattamento con ACE-inibitori e sartani per qualunque delle indicazioni sopra riportate non modifichino autonomamente la terapia e si attengano alle raccomandazioni del proprio medico curante.

Ti è piaciuto l'articolo?
Condividi

Potrebbero interessarti

farmaci-teratogeni-in-gravidanza-quali-sono-e-quando-sono-a-rischio-per-il-feto

23 maggio 2024

Farmaci teratogeni in gravidanza: quali sono e quando sono a rischio per il feto?

Il rischio che alcuni farmaci, chiamati teratogeni, possano provocare malformazioni nel feto causa un elevato livello di ansia tra le donne gravide a causa di tra...

nuove-terapie-per-il-morbo-di-crohn-dai-monoclonali-alle-cellule-staminali

16 maggio 2024

Nuove terapie per il Morbo di Crohn: dai monoclonali alle cellule staminali

Il Morbo di Crohn è una malattia infiammatoria autoimmunitaria per la quale non esiste una cura. Ci sono però nuovi farmaci e nuove prospettive. Vediamo quali.

la-tubercolosi-preoccupazioni-e-certezze-i-farmaci-ci-sono-e-vanno-usati-correttamente

12 agosto 2021

La tubercolosi: preoccupazioni e certezze. I farmaci ci sono e vanno usati correttamente.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la tubercolosi è ancora oggi una malattia infettiva estremamente diffusa nel mondo. Sebbene in Italia si oss...

gabesato-un-farmaco-che-aggredisce-tre-volte-il-sars-cov-2

20 aprile 2020

Gabesato: un farmaco che aggredisce tre volte il SARS-CoV-2

Il gabesato, un farmaco in grado di ridurre la produzione di citochine infiammatorie e usato per la pancreatite acuta e la coagulazione intravascolare disseminata...

Dallo stesso autore

farmaci-per-l-ipertensione-e-infezione-da-coronavirus-covid-19

20 marzo 2020

Farmaci per l’ipertensione e infezione da coronavirus (COVID-19)

È necessario modificare la terapia con anti-ipertensivi per prevenire l'infezione associata al nuovo coronavirus?

infografica-sicurezza-dei-vaccini-per-il-covid-19

11 marzo 2021

Infografica - Sicurezza dei vaccini per il COVID-19

Qui una breve infografica esplicativa sui vaccini, così come evidenziato dal prof. Gianluca Trifirò e dal dott. Marco Truccori per conto della International Socie...

usare-i-farmaci-in-modo-sicuro-durante-la-pandemia-di-covid-19

20 luglio 2020

Usare i farmaci in modo sicuro durante la pandemia di COVID-19

Società scientifiche come SIF (Società Italiana di Farmacologia) e ISoP (International Society of Pharmacovigilance) sono in prima linea per la comunicazione sul ...

trattamento-dei-pazienti-affetti-da-sars-cov-2-con-clorochina-idrossiclorochina

26 marzo 2020

Trattamento dei pazienti affetti da SARS-CoV-2 con clorochina/idrossiclorochina

Quale ruolo possono avere i farmaci antimalarici come la clorochina/idrossiclorochina nella malattia da nuovo coronavirus (SARS-CoV-2)