vai a SIF Argomenti Video Interviste Autori Pillole di Salute Chi siamo Cerca
sif-magazine-logo
g
Argomenti
Video Interviste Autori Pillole di Salute Chi siamo
Argomenti
Cerca in SIF Magazine

Tumore del colon-retto: dalla prevenzione alle nuove terapie farmacologiche

17 marzo 2022

Tumore del colon-retto: dalla prevenzione alle nuove terapie farmacologiche
Il tumore del colon-retto è la terza causa di morte per cancro, ha maggiore diffusione nel mondo occidentale ed uguale incidenza nell’uomo e nella donna. Il tasso di sopravvivenza così come l’efficacia del trattamento dipendono dalla stadiazione del tumore alla diagnosi, rendendo l’individuazione precoce un fattore determinante per la prognosi. Vediamo nel dettaglio quali sono i fattori di rischio, i programmi di screening e gli avanzamenti farmacologici per tale neoplasia.

Cosa si intende per tumore del colon-retto?

Il tumore del colon-retto insorge nell’intestino crasso, ovvero la parte terminale dell’intestino, con maggiore frequenza in persone con età compresa tra i 60 e i 75 anni1. Il processo di formazione del tumore del colon-retto è molto lento (circa 10 anni) e spesso asintomatico.

 

La maggior parte dei tumori del colon-retto non è legata ad una predisposizione genetica. Solo il 10% di questi tumori sono riconducibili ad alterazioni genetiche che possono essere ereditate dai genitori, come nel caso della poliposi adenomatosa familiare (FAP) e del carcinoma ereditario del colon-retto non poliposico (HNPCC).

Quali sono i principali fattori di rischio per la sua insorgenza?

I principali fattori di rischio correlati all’insorgenza del tumore del colon-retto sono lo stile di vita sedentario, una dieta ricca di grassi e proteine animali, l’obesità, il fumo ed una pregressa malattia infiammatoria cronica intestinale. I pazienti che soffrono di colite ulcerosa o del morbo di Crohn hanno una predisposizione maggiore a sviluppare un tumore colorettale.

Quanto conta la diagnosi precoce per la cura di questo tumore?

La diagnosi precoce, cioè quando il tumore è nelle fasi iniziali di sviluppo, consente una sopravvivenza media a 5 anni è molto più alta2. Negli ultimi anni, i programmi gratuiti di screening italiani, come la ricerca del sangue occulto nelle feci, hanno diminuito significativamente il tasso di mortalità dovuto a tale neoplasia.

 

Questo esame è indicato a tutti gli individui con età maggiore di 50 anni e, nel caso di positività, è consigliata la colonscopia, esame diagnostico che permette di osservare l’eventuale presenza di polipi, ovvero le lesioni precancerose che possono poi evolvere in tumori.

Come si interviene sul tumore del colon-retto?

Il trattamento più efficace nel cancro colorettale è la rimozione chirurgica del tumore. Alle volte, prima della chirurgia, può essere necessaria la chemioterapia e/o radioterapia per ridurre la massa tumorale. Per il tumore colorettale, la chemioterapia consiste di una combinazione di più farmaci. I più utilizzati sono il 5-fluorouracile (endovenoso) o la capecitabina (orale), l’oxaliplatino e l’irinotecano.

 

Nel 2016, nei pazienti con tumore metastatico in fase avanzata, è stata autorizzata la somministrazione della combinazione di due altri farmaci, trifluridina/tipiracil, che migliorano significativamente la sopravvivenza.

La terapia mirata nel tumore del colon-retto

La conoscenza del profilo genetico del tumore è fondamentale per ottimizzare il trattamento farmacologico e aumentare l’efficacia della terapia antitumorale. Nel tumore del colon-retto, le mutazioni più comuni sono a carico di geni chiamati oncosoppressori (nello specifico i geni p53 e APC) e dell’oncogene KRAS3.

 

La terapia prevede pertanto farmaci specifici a seconda del gene coinvolto (target therapy. Leggi anche "Nuove armi contro il cancro: target therapy e immunoterapia") utilizzate in associazione ai chemioterapici tradizionali.

 

Queste terapie comprendono anticorpi monoclonali come il bevacizumab, che inibisce l’angiogenesi, cioè la formazione di vasi sanguigni che servono a “nutrire” il tumore. Altri anticorpi monoclonali come cetuximab e panitumumab invece riducono la proliferazione delle cellule tumorali inibendo un altro bersaglio del tumore, il fattore di crescita dell’epidermide (EGFR).

 

Nel tumore del colon-retto metastatico è anche approvato il farmaco di sintesi regorafenib, capace di inibire alcune proteine, chiamate protein-chinasi, coinvolte nella crescita tumorale, nel processo immunitario e della formazione delle metastasi.

Terapie immunoterapiche per il tumore colorettale

Nel 2021, l’Agenzia Europea dei medicinali (EMA) ha approvato l’utilizzo del pembrolizumab, un anticorpo monoclonale che agisce bloccando un fattore chiamato PD-1. Il PD-1 è un "freno" che impedisce al sistema immunitario (in particolare ai linfociti T) di attaccare le cellule tumorali. Pembrolizumab rimuove questo freno bloccando il PD-1 e potenziando le risposte antitumorali delle cellule immunitarie4.

 

Un altro farmaco immunoterapico attivo su PD-1 è nivolumab e, da solo o in associazione con ipilimumab (un altro anticorpo monoclonale che regola l’attività dei linfociti), è indicato per il trattamento del carcinoma del colon-retto metastatico resistente ad una precedente chemioterapia.

 

Riferimenti bibliografici:

 

1 Siegel RL, Miller KD, Goding Sauer A, et al. Colorectal cancer statistics, 2020. CA Cancer J Clin. 2020 May;70:145-164.

2 McQuade RM, Stojanovska V, Bornstein JC, et al. Colorectal Cancer Chemotherapy: The Evolution of Treatment and New Approaches. Curr Med Chem. 2017;24:1537-1557.

3 Lee CS, Song IH, Lee A. et al. Enhancing the landscape of colorectal cancer using targeted deep sequencing. Sci Rep. 2021; 11, 8154.

4 André T, Shiu KK, Kim TW, et al. Pembrolizumab in Microsatellite-Instability-High Advanced Colorectal Cancer. N Engl J Med. 2020 Dec 3;383(23):2207-2218.

Ti è piaciuto l'articolo?
Condividi

Potrebbero interessarti

farmacologia-per-principianti-farmaci-per-la-cinetosi

23 luglio 2024

Farmacologia per principianti - Farmaci per la cinetosi

Problemi di cinetosi? Ci sono delle soluzioni! Guarda il video per scoprire come affrontarla

integratori-a-base-di-vitamina-d-si-o-no-facciamo-il-punto

18 luglio 2024

Integratori a base di vitamina D: sì o no? Facciamo il punto

La vitamina D è utile per il benessere delle ossa e di altri apparati, ma sulla sua assunzione come integratore alimentare ci sono ancora opinioni discordi. Ma pe...

miocarditi-e-vaccini-anti-covid-19-dobbiamo-preoccuparci

18 agosto 2022

Miocarditi e vaccini anti-COVID-19: dobbiamo preoccuparci?

Qualche tempo fa, alcuni studi su piccoli campioni hanno ipotizzato che le miocarditi insorte in una piccola parte dei vaccinati con i vaccini anti-COVID-19 fosse...

potenziale-uso-dei-nutraceutici-nella-terapia-antitumorale

12 febbraio 2022

Potenziale uso dei nutraceutici nella terapia antitumorale

I nutraceutici derivati da prodotti tipici del nostro Mediterraneo possono rappresentare un supporto alle terapie antitumorali? Scopriamolo insieme.

Dallo stesso autore

prodotti-naturali-con-attivita-antinfiammatoria-quali-e-perche

17 febbraio 2022

Prodotti naturali con attività antinfiammatoria: quali e perché

L'infiammazione è un processo che l’organismo attiva, con il contributo del sistema immunitario, per ripristinare i tessuti danneggiati da ferite, oppure da patol...

nuove-terapie-per-il-morbo-di-crohn-dai-monoclonali-alle-cellule-staminali

16 maggio 2024

Nuove terapie per il Morbo di Crohn: dai monoclonali alle cellule staminali

Il Morbo di Crohn è una malattia infiammatoria autoimmunitaria per la quale non esiste una cura. Ci sono però nuovi farmaci e nuove prospettive. Vediamo quali.

quali-farmaci-per-trattare-le-polmoniti-pediatriche-conta-sempre-l-eta-del-bambino

7 dicembre 2023

Quali farmaci per trattare le polmoniti pediatriche? Conta sempre l’età del bambino

Nelle ultime settimane è stato registrato un aumento di casi di polmoniti pediatriche in Cina, così come in alcuni paesi europei, tra cui Francia ed Olanda. Ma so...

tumore-del-colon-retto-dalla-prevenzione-alle-nuove-terapie-farmacologiche

17 marzo 2022

Tumore del colon-retto: dalla prevenzione alle nuove terapie farmacologiche

Il tumore del colon-retto è la terza causa di morte per cancro, ha maggiore diffusione nel mondo occidentale ed uguale incidenza nell’uomo e nella donna. Il tasso...