vai a SIF Argomenti Video Interviste Autori Pillole di Salute Chi siamo Cerca
sif-magazine-logo
g
Argomenti
Video Interviste Autori Pillole di Salute Chi siamo
Argomenti
Cerca in SIF Magazine

Cosa c'entrano i farmaci con le sostanze cancerogene?

14 marzo 2024

Cosa c'entrano i farmaci con le sostanze cancerogene?
Le sostanze che si ritiene possano causare il cancro nell'uomo vengono dette "cancerogene". In questa lista rientrano anche alcuni farmaci, cerchiamo di capirne di più.

Cos’è un cancerogeno?

Un carcinogeno o cancerogeno è un agente chimico, fisico o biologico che, per inalazione, ingestione o contatto, può provocare, anche a distanza di anni dall’esposizione, l’insorgenza di un tumore. L’ Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) ha indicato circa 400 sostanze come sicuramente cancerogene, probabilmente cancerogene, o possibilmente cancerogene per l’uomo.

 

Come stabilire il grado di rischio che si corre?

La IARC suddivide le sostanze in categorie di rischio in base ai risultati ottenuti negli studi di cancerogenicità. Ad esempio nella categoria di maggior rischio troviamo 120 sostanze, tra cui alcol, fumo, raggi UV e alcuni farmaci, ma questi non necessariamente risultano più pericolosi di altri classificati in categorie a più basso rischio, bensì gli studi effettuati sono più numerosi e con risultati più convincenti.

 

Di che tipo di tumori parliamo?

Dipende dal tipo di sostanza e dal tipo di esposizione, respirare particelle di asbesto (derivate dall’amianto) può causare tumore alla pleura, mentre l’esposizione a radiazioni può causare tumori della pelle, della tiroide e leucemie. Anche i PCB (policlorobifenili) e le diossine che derivano dalla produzione della plastica e con i quali veniamo a contatto attraverso l’aria e il suolo, rientrano tra i cancerogeni, aumentando il rischio di sviluppare leucemie, linfomi e tumore al seno. Ma questi sono solo alcuni esempi.

 

E i farmaci? Ci sono evidenze che alcuni possano essere cancerogeni?

È importante sottolineare che il rischio di cancro associato a un farmaco dipende da diversi fattori, tra cui la dose, la durata del trattamento e la predisposizione genetica del paziente. Detto questo, i farmaci ritenuti ‘pericolosi’ sono quelli la cui azione consiste nel causare alterazioni del DNA (quindi un’azione mutagena) o nel modificare le fasi della divisione cellulare.

 

Ma quali sono le classi di farmaci più a rischio?

I farmaci che determinano un rischio cancerogeno sono i chemioterapici antineoplastici e gli immunosoppressori, ma anche alcuni antivirali, ormoni e antibiotici. Questi ultimi, agendo sul microbioma a livello intestinale, causano uno squilibrio della composizione della flora che, a lungo termine, può contribuire allo sviluppo di tumori del colon.

 

I farmaci ad attività ormonale meritano un commento in più.

L’utilizzo di contraccettivi orali che associano estrogeni e progestinici, può aumentare leggermente il rischio di cancro al seno, mentre gli estrogeni senza progesterone, aumentano in modo modesto il rischio di cancro uterino. Infine, l'uso a lungo termine di steroidi anabolizzanti può aumentare il rischio di cancro al fegato e accelerare lo sviluppo di quello alla prostata.

 

Ma questi farmaci ‘pericolosi’ sono curativi o dannosi?

Va detto subito che l’impiego in terapia di questi farmaci è sempre sotto stretto controllo medico per quel che riguarda lo scopo, la dose e la durata del trattamento. Poi, per quel che riguarda i “farmaci più pericolosi” possiamo dire che l'uso dei farmaci chemioterapici per la cura dei tumori è giustificato dal fatto che il risultato terapeutico è nettamente superiore rispetto al rischio di sviluppare un tumore a causa del loro impiego, e che i farmaci immunosoppressori, di norma, sono utilizzati in casi gravi come trapianti di organi, malattie ematologiche e condizioni immunologiche, e, anche in questo caso, i benefici terapeutici superano di gran lunga i rischi di effetti cancerogeni.

 

Come viene monitorata la situazione?

Ci pensa l’EMA che, tra i dati necessari per autorizzare un farmaco all’uso umano (compresi i farmaci generici e da banco), richiede esami adeguati atti a escludere che abbiano effetti teratogeni o genotossici e a escludere la presenza di impurezze classificate come probabilmente cancerogene per l'uomo, in particolare per i farmaci contenenti principi attivi di sintesi chimica.

Quindi, qual è la cosa più importante da ricordare?

L’effetto dipende sempre dalla dose: una sostanza può essere cancerogena se assunta a una certa dose e non esserlo a quella con cui le persone ne vengono a contatto nella vita quotidiana. Quando leggiamo che una sostanza è stato inserita in una delle liste della IARC è necessario capire quali sono i reali livelli di rischio ed entro che dosi. Ricordiamo pertanto sempre le parole di Paracelso: Tutto è veleno: nulla esiste di non velenoso. Solo la dose fa in modo che il veleno non faccia effetto”.

Ti è piaciuto l'articolo?
Condividi

Potrebbero interessarti

ci-sono-farmaci-per-contrastare-la-perdita-di-capelli

18 aprile 2024

Ci sono farmaci per contrastare la perdita di capelli?

L'alopecia è un fenomeno che porta alla perdita localizzata o totale di capelli e/o peli. In questo articolo parliamo delle due forme più comuni di alopecia (l’al...

farmacologia-per-principianti-come-si-curano-le-allergie

15 aprile 2024

Farmacologia per principianti: come si curano le allergie?

Un farmaco per ogni stagione: gli antistaminici

parkinson-e-alzheimer-due-malattie-croniche-con-gravi-disabilita

24 febbraio 2021

Parkinson e Alzheimer, due malattie croniche con gravi disabilità

Ci sono malattie molto disabilitanti che devono la causa a una progressiva e irreversibile perdita di neuroni in specifiche regioni del cervello. Le più diffuse s...

vaccino-anti-pneumococcico-una-iniezione-che-salva-la-vita

14 dicembre 2023

Vaccino anti-pneumococcico: una iniezione che salva la vita

La vaccinazione contro lo pneumococco viene raccomandata ed offerta in modo gratuito dal Sistema Sanitario Nazionale (SSN) nel corso dei primi due anni di vita, n...

Dallo stesso autore

cosa-c-entrano-i-farmaci-con-le-sostanze-cancerogene

14 marzo 2024

Cosa c'entrano i farmaci con le sostanze cancerogene?

Le sostanze che si ritiene possano causare il cancro nell'uomo vengono dette "cancerogene". In questa lista rientrano anche alcuni farmaci, cerchiamo di capirne d...

morfina-farmaco-importante-anche-se-oggetto-di-pregiudizi-e-fonte-di-preoccupazioni

27 luglio 2023

Morfina: farmaco importante anche se oggetto di pregiudizi e fonte di preoccupazioni

Sebbene l’uso dell’oppio sia documentato già nel 200 a.C. negli scritti del filosofo e botanico Teofrasto, discepolo di Aristotele, il primo ad isolare la morfina...