vai a SIF Argomenti Video Interviste Autori Pillole di Salute Chi siamo Cerca
sif-magazine-logo
g
Argomenti
Video Interviste Autori Pillole di Salute Chi siamo
Argomenti
Cerca in SIF Magazine

Differenze di genere nella COVID-19. Perché si ammalano di più i maschi?

28 marzo 2020

Differenze di genere nella COVID-19. Perché si ammalano di più i maschi?
La COVID-19, malattia causata dal nuovo coronavirus SARS-CoV-2, colpisce con una differenza di genere che sembra condizionare la mortalità e la suscettibilità all'infezione

Che evidenze ci sono a sostegno di una differenza di genere tra chi contrae l’infezione e la prognosi della malattia?

Da uno studio clinico che tra gennaio e febbraio 2020 ha analizzato 4880 soggetti asintomatici o sintomatici per la patologia respiratoria nell’ospedale di Wuhan, in Cina, è emerso che la positività al SARS-CoV-2 nella popolazione maschile e anziana (>70 anni) presentava tassi significativamente più alti, sebbene solo l'età fosse stata riconosciuta come fattore di rischio.

Cosa ci dicono i risultati degli studi clinici effettuati in Cina?

In uno studio osservazionale retrospettivo (i ricercatori si limitano a osservare i fenomeni occorsi), è stato documentato che in una popolazione di pazienti critici affetti da SARS-CoV-2, il 67% era di sesso maschile. Secondo il team di Jin et al., che ha esaminato i dati dei primi decessi da COVID-19 a Wuhan, il tasso di mortalità era più alto nei maschi rispetto alle femmine, così come nella SARS (acronimo di Severe acute respiratory syndrome) agli inizi del 2003.

In un ulteriore studio retrospettivo, che aveva arruolato 47 pazienti affetti da una forma severa di COVID-19, 28 pazienti (59,6%) erano uomini, l’età media era di 62 anni e 30 (63,8%) avevano co-morbilità (altre patologie oltre alla sindrome respiratoria causata dall’infezione da SARS-CoV-2).

Durante le due settimane di ricovero, si sono aggravati 5 (17,9%) uomini e 1 (5,3%) donna. La mortalità registrata negli uomini è stata del 3,6% mentre nelle donne è risultata dello 0%. Analizzando, poi, i dati di 1099 pazienti affetti da SARS-CoV-2, raccolti in 552 ospedali di 30 province della Cina, il 58,1% risultava rappresentato da pazienti di sesso maschile.

Inoltre tra i 173 casi severi il 57,8% era rappresentato da maschi. Secondo recenti dati di Jian-Min et al., l'analisi di sopravvivenza ha mostrato che gli uomini avevano un tasso di mortalità significativamente più alto rispetto alle donne. I maschi manifestavano una sintomatologia peggiore rispetto alle donne, indipendentemente da età, sintomi e comorbilità.

Che ipotesi possiamo fare per giustificare queste differenze di genere?

Il SARS-CoV-2 entra nelle cellule bersaglio utilizzando l’enzima di conversione dell’angiotensina II (ACE2), una glicoproteina di membrana, localizzata in particolare (ma non solo) sull'endotelio dei capillari polmonari dove svolge un ruolo fondamentale nella regolazione della pressione arteriosa. Recenti evidenze hanno dimostrato una sovra-espressione di ACE2 negli uomini asiatici rispetto a donne asiatiche e pazienti di altre etnie.

Non si esclude che questa significativa differenza, tra popolazioni di diversi Paesi, possa essere legata anche a diverse abitudini e stili comportamentali come il fumo. Infatti, la prevalenza di maschi fumatori in Cina supera il 50% mentre quella delle donne è inferiore al 3% della popolazione.

Infine, non è da sottovalutare che femmine e maschi differiscono nella risposta immunitaria. Durante l’infezione, soprattutto nei casi più gravi, il numero di linfociti T è significativamente diminuito. Nei pazienti con COVID-19, sia le cellule T-helper (Th) sia le cellule T-suppressor si sono mostrate al di sotto dei livelli normali. Anche le cellule T regolatorie sono risultate presenti ad un livello più basso.

Gli ormoni sessuali agiscono come importanti modulatori delle risposte immunitarie. Il Testosterone, l'ormone sessuale maschile, è generalmente un immunosoppressore mentre gli estrogeni, importanti ormoni regolatori sessuali femminili, tendono a essere immunostimolanti. 

Quali scenari futuri disegnano queste differenze tra maschi e femmine?

In generale, appare necessario che ci sia una integrazione delle attuali misure intraprese per il controllo e il trattamento delle infezioni da SARS-CoV-2 con un'analisi di genere. Questo permetterà di migliorare l'efficacia degli interventi sanitari e promuovere obiettivi di equità di genere e di salute. La medicina di genere può contribuire a promuovere l’appropriatezza terapeutica e l’implementazione di percorsi diagnostico-terapeutici personalizzati.

Le evidenze descritte suggeriscono che il genere maschile possa svolgere il ruolo di fattore di rischio nei pazienti con COVID-19 anche se, tuttavia, sono richiesti ulteriori dati per validare questa differenza tra maschi e femmine e per dimostrare un’associazione significativa con il rischio di contrarre la patologia e di sviluppare una prognosi più infausta.

 

Riferimenti bibliografici:

Rui Liu, Huan Hana, Fang Liub, ZhihuaLva, KailangWub, YingleLiub, Yong Fengd, ChengliangZhua, Positive rate of RT-PCR detection of SARS-CoV-2 infection in 4880 cases from one hospital in Wuhan, China, from Jan to Feb 2020, Clinica Chimica Acta, Mar 7 2020.

Yang X, Yu Y, Xu J, et al.  Clinical course and outcomes of critically ill patients with SARS-CoV-2 pneumonia in Wuhan, China: a single-centered, retrospective, observational study Lancet Respir Med, Feb 24 2020.

Jian-Min Jin, PengBai, Wei He, Fei Wu, Xiao-Fang, Liu, De-Min Han, Shi Liu and Jin-Kui Yang, Gender differences in patients with COVID-19: Focus on severity and mortality, medRxiv, Mar 5 2020.

Jing Li,Yinghua Zhang, Fang Wang, Bing Liu, Hui Li, Guodong Tang, Zhigang Chang, Aihua Liu,Chunyi Fu, Jing Gao, Jing Li, Sex differences in clinical findings among patients withcoronavirus disease 2019 (COVID-19) and severecondition, medRxiv, Feb 29 2020.

Guan W, Ni Z, Hu Y, et al. Clinical characteristics of coronavirus disease 2019 in China, N Engl J Med., Feb 28 2020.

Markus Hoffmann, Hannah Kleine Weber, Nadine Krüger, Marcel Müller, Christian Drosten, Stefan Pöhlmann, SARS-CoV-2 Cell Entry Depends on ACE2 and TMPRSS2 and Is Blocked by a Clinically Proven Protease Inhibitor, Cell , Mar 5 2020.

Cai H, Sex difference and smoking predisposition in patients with COVID-19, Lancet Respir Med., Mar 11 2020.

Chuan Qin, MD, PhD, Luoqi Zhou, MD, Ziwei Hu, MD, Shuoqi Zhang, MD, PhD, Sheng Yang, MD, Yu Tao, MD, PhD, CuihongXie, MD, PhD, Ke Ma, MD, PhD, Ke Shang, MD, PhD, Wei Wang, MD, PhD, Dai-Shi Tian, MD, PhD, Dysregulation of immune response in patients with COVID-19 in Wuhan, China, Clinical Infectious Diseases, Mar 12 2020.

Jacob Roved, Helena Westerdahl, Dennis Hasselquist, Sex differences in immune responses: Hormonal effects, antagonistic selection, and evolutionary consequences, HormBehav. 88:95-105, Feb 2 2017.

Ti è piaciuto l'articolo?
Condividi

Potrebbero interessarti

farmaci-teratogeni-in-gravidanza-quali-sono-e-quando-sono-a-rischio-per-il-feto

23 maggio 2024

Farmaci teratogeni in gravidanza: quali sono e quando sono a rischio per il feto?

Il rischio che alcuni farmaci, chiamati teratogeni, possano provocare malformazioni nel feto causa un elevato livello di ansia tra le donne gravide a causa di tra...

nuove-terapie-per-il-morbo-di-crohn-dai-monoclonali-alle-cellule-staminali

16 maggio 2024

Nuove terapie per il Morbo di Crohn: dai monoclonali alle cellule staminali

Il Morbo di Crohn è una malattia infiammatoria autoimmunitaria per la quale non esiste una cura. Ci sono però nuovi farmaci e nuove prospettive. Vediamo quali.

cos-e-e-cosa-fa-il-remdesivir-il-primo-farmaco-a-essere-autorizzato-per-trattare-la-covid-19

18 luglio 2020

Cos’è e cosa fa il remdesivir, il primo farmaco a essere autorizzato per trattare la COVID-19? 

Nell’attesa di un vaccino, è importante trovare farmaci capaci di contrastare gli effetti della COVID-19, l’infezione da SARS-CoV-2. Il remdesivir (Veklury), è il...

dalle-malattie-rare-all-oncologia-quanto-sono-efficaci-e-sicuri-i-farmaci-per-bambini

17 febbraio 2021

Dalle malattie rare all’oncologia: quanto sono efficaci e sicuri i farmaci per bambini?

I bambini non sono semplicemente degli adulti più piccoli, anzi. Il loro organismo è in rapida evoluzione, dalla fase neonatale alla adolescenza, con un continuo ...

Dagli stessi autori

cosa-sono-gli-anticorpi-monoclonali-utilizzati-nella-terapia-del-covid-19

23 aprile 2020

Cosa sono gli anticorpi monoclonali utilizzati nella terapia del COVID-19?

Tra i farmaci ritenuti capaci di fornire un utile supporto farmacologico alla terapia dei pazienti affetti da infezione da COVID-19, ci sono gli anticorpi monoclo...

sintomi-neuropsichiatrici-da-covid-19-quando-il-coronavirus-attacca-il-sistema-nervoso

12 novembre 2020

Sintomi neuropsichiatrici da CoViD-19: quando il coronavirus attacca il sistema nervoso

Le principali manifestazioni della CoViD-19 sono respiratoria e cardiaca. In letteratura sono comunque riportati casi di pazienti che presentano sintomi neurologi...

febbre-da-covid-19-in-eta-pediatrica-stai-in-guardia-e-non-farti-influenzare-da-notizie-false-sui-farmaci-antipiretici

28 marzo 2020

Febbre da COVID-19 in età pediatrica: stai in guardia e non farti influenzare da notizie false sui farmaci antipiretici

L’infezione da SARS-CoV-2 ha sollevato il problema del trattamento degli stati febbrili, soprattutto nei bambini. Ma che caratteristiche hanno i farmaci usati nel...

quanto-e-utile-l-anticoagulante-eparina-nella-cura-della-covid-19

15 aprile 2020

Quanto è utile l’anticoagulante eparina nella cura della COVID-19?

L’eparina, in particolare quella a basso peso molecolare, potrebbe essere utile nella prevenzione e nel trattamento di quadri clinici severi di coagulopatia in pa...