vai a SIF Argomenti Video Interviste Autori Pillole di Salute Chi siamo Cerca
sif-magazine-logo
g
Argomenti
Video Interviste Autori Pillole di Salute Chi siamo
Argomenti
Cerca in SIF Magazine

L’abuso di antidolorifici da prescrizione come la morfina e simili è solo un problema americano?

6 luglio 2023

L’abuso di antidolorifici da prescrizione come la morfina e simili è solo un problema americano?
Negli Stati Uniti, la dipendenza da oppioidi ha causato quasi 100 mila morti per overdose nel 2020. Per questo si parla di un’epidemia, già verificatasi negli anni novanta, in crescendo nei primi anni 2000, recentemente riproposta dopo l’epidemia da SARS-CoV2. Ma il fenomeno è isolato al Nord America? Cosa succede in Italia?

Cosa sono gli oppioidi da prescrizione? Perché sono sostanze d’abuso?

Gli oppioidi sono delle sostanze di origine naturale (morfina, codeina, chiamati anche oppiacei), semisintetiche (eroina, ossicodone, idrocodone) o totalmente di sintesi (fentanyl) con un alto potenziale d’abuso. La molecola dalla quale derivano è la morfina, il principale alcaloide contenuto nell’oppio con effetto narcotico e analgesico. Gli oppioidi da prescrizione per la loro attività si configurano come gli antidolorifici più efficaci e potenti, ed in Italia i pazienti possono accedere a questi farmaci soprattutto tramite i centri per la terapia del dolore e con ricette speciali. Questa regolamentazione ferrea è giustificata dalla tolleranza, assuefazione e dipendenza che possono determinare. Da non sottovalutare una eventuale overdose, che provoca una grave depressione respiratoria, potenzialmente mortale.

 

Perché si parla di epidemia da oppioidi negli Stati Uniti?

Negli Stati Uniti l’abuso di oppioidi da prescrizione è stato denominato come “crisi degli oppioidi”, o “epidemia da oppioidi”, perché il numero delle morti da overdose ha assunto le caratteristiche tipiche di un’epidemia, presentando anche diverse “ondate”. La prima ondata di morti causate da  oppioidi da prescrizione, come metadone, oxicodone e idrocodone, risale agli anni 90. La seconda iniziò intorno al 2010 e mostrava un andamento simile all’aumento di morti da overdose di eroina. La terza ondata, ha inizio nel 2013, ed è legata principalmente al mercato illecito di oppioidi da prescrizione come il tramadolo e il fentanyl1.

 

Perché il fenomeno è peggiorato con la Covid19?

Le motivazioni socioeconomiche alla base dell’inizio dell’epidemia da oppioidi o delle sue ondate sono difficili da identificare. Ad esempio, si pensa che la recessione economica del 2008 (bancarotta Lehman Brothers) abbia solo in parte influito sulla seconda ondata del 2010. Nonostante ciò, si pensa che qualsiasi condizione metta a repentaglio la salute mentale, come la pandemia da Covid-19, sembri favorire l’abuso da oppioidi. Studi recenti riportano un aumento dell’abuso di oppioidi di circa il 30% nell’Illinois (USA)2. Il Canada ha invece registrato un aumento dell’uso di fentanyl di oltre il 100% con l’avvento della Covid-193.

 

Ma la situazione in Italia qual’è?

Il sistema di prescrizione di oppioidi italiano è regolamentato in maniera stringente dalla legge 15 marzo 2010 n. 38, quindi un abuso di oppioidi come negli Stati Uniti è davvero poco probabile. Il rapporto OsMed del 2021 ha mostrato che in Italia le dosi di oppioidi si assestano a circa 8 dosi giornaliere per 1000 abitanti, contro le 20 che si registrano in Austria e Germania. Ma l’uso preferenziale di oppioidi nel trattamento del dolore cronico non oncologico, come il dolore neuropatico, è oggetto di controversie, infatti, gli effetti indesiderati (tra cui tossicodipendenza, e overdose) superano di gran lunga l’eventuale beneficio clinico.  In Italia, si preferiscono analgesici più sicuri come i FANS, quando possibile, per evitare problemi di abuso e dipendenza. Tuttavia, la prescrizione dei farmaci oppioidi, in caso di dolore grave, come quello oncologico o da chirurgia demolitiva, si rende chiaramente necessaria.

 

 

Bibliografia

1SIF position paper 2018. Trattamento del dolore cronico in Italia: appropriatezza terapeutica con oppiacei e timore di addiction: situazione italiana vs USA. https://www.sifweb.org/pubblicazioni/position-papers/position-opinion-papers-trattamento-del-dolore-cronico-in-italia-appropriatezza-terapeutica-con-oppiacei-e-timore-di-addiction-situazione-italiana-vs-usa-2018-04-03

2Bolinski RS, Walters S, Salisbury-Afshar E. et al. The Impact of the COVID-19 Pandemic on Drug Use Behaviors, Fentanyl Exposure, and Harm Reduction Service Support among People Who Use Drugs in Rural Settings. Int J Environ Res Public Health. 2022 Feb; 19(4): 2230. doi: 10.3390/ijerph19042230

3Morin KA,  Acharya S,  Eibl JK,  Marsh DC. Evidence of increased Fentanyl use during the COVID-19 pandemic among opioid agonist treatment patients in Ontario, Canada. International Journal of Drug Policy. https://doi.org/10.1016/j.drugpo.2020.103088

Ti è piaciuto l'articolo?
Condividi

Potrebbero interessarti

integratori-a-base-di-vitamina-d-si-o-no-facciamo-il-punto

18 luglio 2024

Integratori a base di vitamina D: sì o no? Facciamo il punto

La vitamina D è utile per il benessere delle ossa e di altri apparati, ma sulla sua assunzione come integratore alimentare ci sono ancora opinioni discordi. Ma pe...

la-lotta-all-alzheimer-nuove-armi-per-una-battaglia-ancora-aperta

11 luglio 2024

La lotta all'Alzheimer: nuove armi per una battaglia ancora aperta

La malattia di Alzheimer colpisce circa 55 milioni di persone nel mondo. L'età è il principale fattore di rischio, con oltre il 50% degli over 85 che ne è affetto...

usare-i-farmaci-in-modo-sicuro-durante-la-pandemia-di-covid-19

20 luglio 2020

Usare i farmaci in modo sicuro durante la pandemia di COVID-19

Società scientifiche come SIF (Società Italiana di Farmacologia) e ISoP (International Society of Pharmacovigilance) sono in prima linea per la comunicazione sul ...

anemia-mediterranea-o-talassemia-c-e-qualcosa-per-evitare-le-trasfusioni

11 febbraio 2021

Anemia Mediterranea o talassemia: c’è qualcosa per evitare le trasfusioni?

La talassemia è una malattia del sangue molto diffusa nel bacino del Mediterraneo (da qui il termine di ‘anemia mediterranea’), inclusa l’Italia, che può avere co...

Dallo stesso autore

le-micosi-una-potenziale-minaccia-per-la-salute-ma-ci-sono-farmaci-che-funzionano

14 aprile 2022

Le micosi: una potenziale minaccia per la salute ma ci sono farmaci che funzionano

Le micosi sono infezioni causate da funghi microscopici: possono essere superficiali (per esempio sulle mucose e la cute) o profonde (quando interessano uno o più...

bronchiolite-nei-bambini-trattamento-e-prevenzione

4 maggio 2023

Bronchiolite nei bambini: trattamento e prevenzione

La bronchiolite è un’infezione delle vie aeree inferiori che colpisce soprattutto i bambini sotto i due anni. E’ una patologia virale causata, nella maggior parte...

bambini-e-malanni-stagionali-ci-sono-farmaci-in-grado-di-prevenirli

15 dicembre 2022

Bambini e malanni stagionali: ci sono farmaci in grado di prevenirli?

La vita in comunità (nido, asilo, scuola dell’infanzia ed elementare) espone inevitabilmente i bambini al rischio di ammalarsi di malattie infettive e certi bambi...

l-artrite-gottosa-basta-la-dieta-o-servono-farmaci-per-la-cura-della-gotta

19 agosto 2021

L’artrite gottosa: basta la dieta o servono farmaci per la cura della gotta?

La gotta, o artrite gottosa, è una patologia caratterizzata da attacchi molto dolorosi di artrite, ovvero un’infiammazione alle articolazioni. Un tempo, la gotta ...