vai a SIF Argomenti Video Interviste Autori Pillole di Salute Chi siamo Cerca
sif-magazine-logo
g
Argomenti
Video Interviste Autori Pillole di Salute Chi siamo
Argomenti
Cerca in SIF Magazine

Tutta la verità sulla taurina: benefici e rischi

24 novembre 2022

Tutta la verità sulla taurina: benefici e rischi
Forse l’abbiamo sentita nominare perché contenuta in note bevande energetiche, il suo consumo è in crescita soprattutto tra i giovani, ma un consumo eccessivo può avere effetti collaterali?

Cos’è la taurina?

La taurina, deve il suo nome al fatto di essere stata isolata per la prima volta nella bile del toro, è un amminoacido condizionatamente essenziale; questo significa che il nostro corpo ne riesce a sintetizzare una parte ma il resto deve essere necessariamente assunto con la dieta. Nel nostro organismo ha un ruolo importante, infatti non viene utilizzata per produrre le proteine, ma per la modulazione di processi cellulari.

 

Qual è la sua funzione?

Essa svolge un ruolo fondamentale nella sintesi dei sali biliari che sono utilizzati dal nostro organismo per rimuovere dal sangue il colesterolo cattivo e altre sostanze tossiche.

La taurina è coinvolta anche in altri processi cellulari come, per esempio, il metabolismo lipidico e la regolazione del metabolismo del glucosio ed è anche coinvolta nella regolazione del battito cardiaco e della pressione sanguigna. Ma la taurina è diventata famosa perché sembrerebbe migliorare le prestazioni fisiche e mentali, in caso di stress, e aiuta a sentirsi maggiormente vigorosi ed energici, ritardando l'insorgenza della fatica.

 

Dove si trova?

È contenuta in molti alimenti come carne rossa, pesce, uova, o nei legumi. Si stima che un soggetto adulto, attraverso una dieta onnivora, assuma giornalmente circa 60 mg di taurina.

In commercio sono disponibili molti integratori a base di taurina, sulla base dei benefici che deriverebbero dal consumo di questa sostanza. Inoltre, la taurina è spesso presente nelle famose bevande energetiche, il cui consumo è molto comune tra i giovani.

 

Taurina e Energy drinks

Chi non ha mai sentito parlare della famosa bevanda che ti mette le ali? Molte volte l’effetto energizzante sponsorizzato viene proprio imputato al fatto che questi prodotti contengono taurina. Molti studi hanno però dimostrato che la taurina non sarebbe una sostanza stimolante/energizzante ma in grado di promuovere un miglior utilizzo dell’energia a disposizione dell’organismo. Di fatto, dunque, quello che rende energetico un energy drink sono i carboidrati e le sostanze eccitanti, come la caffeina, in essi contenuti.

 

Attenzione agli effetti di alcool e energy drinks insieme

Un aspetto molto importante è l’associazione degli energy drinks con l’alcool, un comportamento largamente comune tra i giovanissimi. Come accennato, infatti, oltre alla taurina queste bevande contengono fino a 400 mg di caffeina, ossia circa la stessa quantità contenuta in 4 tazze di caffè, che combatte gli effetti sedativi dell’alcool. Questo fa si che i segni dell’ebrezza sono così camuffati, senza avvertire subito gli effetti negativi e pericolosi dell’alcool come, ad esempio, il senso di confusione o sonnolenza.

 

Ci sono possibili rischi nel consumo di taurina?

In caso di integratori o energy drink, il dosaggio medio suggerito è di 2-8 grammi al giorno, in un’unica soluzione o più somministrazioni. È preferibile non superare gli 8 grammi giornalieri. Normalmente, gli integratori liquidi o le bevande energizzanti ne contengono 1 grammo. Al momento non vi sono dati certi e i risultati sono spesso contrastanti su un eventuale sovradosaggio o sulla esposizione prolungata. In generale, tuttavia, tra i sintomi più comuni vi sono ipertensione, diarrea, ulcera peptica e reazioni cutanee. Attualmente, l’Agenzia europea per la sicurezza alimentare - EFSA - non ha rilasciato specifici claims per prodotti a base di taurina. Tuttavia, poiché non vi sono ancora dati completi circa la sicurezza della taurina in gravidanza e allattamento, è bene scongiurare ogni possibile rischio evitando l'assunzione di prodotti a base di questa sostanza in queste particolari condizioni.

 

Ma la taurina può essere utile anche nella terapia?

Gli effetti della taurina sono stati valutati in diversi studi clinici e i risultati sono stati incoraggianti, suggerendo che la taurina possa essere usata a fini terapeutici, anche alla luce del basso rischio di tossicità. In passato è stato dimostrato il suo effetto benefico per la cura della distrofia miotonica(1). Gli studi preclinici e i trial clinici hanno suggerito la taurina per la cura del diabete, la degenerazione della retina, le malattie cardiovascolari, la distrofia muscolare e la senescenza sulla base dell’osservazione che il contenuto di taurina è ridotto in queste condizioni e sulla base della sua azione neuroprotettiva, rigenerativa, antiinfiammatoria e antiossidante(2). Di recente è stato dimostrato, in un modello sperimentale murino, il ruolo benefico di un composto coniugato con taurina, l’acido tauroursodeossicolico, nelle malattie neurodegenerative come Parkinson(3) e SLA(4).

 

 

Bibliografia

  1. Durelli et al. The treatment of myotonia: evaluation of chronic oral taurine therapy. Neurology. 1983 May;33(5):599-603. doi: 10.1212/wnl.33.5.599-a.
  2. De Luca et al. Taurine: the appeal of a safe amino acid for skeletal muscle disorders. J Transl Med. 2015 Jul 25;13:243. doi: 10.1186/s12967-015-0610-1.
  3. Rosa et al. Tauroursodeoxycholic Acid Improves Motor Symptoms in a Mouse Model of Parkinson's Disease. Mol Neurobiol. 2018 Dec;55(12):9139-9155. doi: 10.1007/s12035-018-1062-4.
  4. Paganoni et al. Trial of Sodium Phenylbutyrate-Taurursodiol for Amyotrophic Lateral Sclerosis. N Engl J Med. 2020 Sep 3;383(10):919-930. doi: 10.1056/NEJMoa1916945
Ti è piaciuto l'articolo?
Condividi

Potrebbero interessarti

cure-termali-per-le-malattie-respiratorie-funzionano-davvero

29 febbraio 2024

Cure termali per le malattie respiratorie: funzionano davvero?

Considerata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) “…una delle più antiche forme di terapia dell’Occidente…”, sono in molti oggi a ricorrere a questo tip...

farmacologia-per-principianti-il-paracetamolo

27 febbraio 2024

Farmacologia per principianti - Il paracetamolo

Il paracetamolo: il farmaco più utilizzato per ridurre la febbre, ma non solo.

copertura-vaccinale-contro-il-sars-cov-2-basi-bioetiche-per-un-patto-di-salute

13 marzo 2021

Copertura vaccinale contro il Sars-CoV-2. Basi bioetiche per un patto di salute

In vista della campagna vaccinale nella Repubblica di San Marino, il Comitato Sammarinese di Bioetica - CSB - ha prodotto questo documento perché possa supportare...

farmaci-per-il-tumore-dello-stomaco-cosa-c-e-oggi-e-cosa-ci-riserva-il-futuro

24 dicembre 2020

Farmaci per il tumore dello stomaco: cosa c’è oggi e cosa ci riserva il futuro

Il tumore allo stomaco colpisce l’organo principale dove, dopo la masticazione, avviene la prima fase della digestione. È un tumore spesso legato allo stile di vi...

Dallo stesso autore

vaccino-anti-pneumococcico-una-iniezione-che-salva-la-vita

14 dicembre 2023

Vaccino anti-pneumococcico: una iniezione che salva la vita

La vaccinazione contro lo pneumococco viene raccomandata ed offerta in modo gratuito dal Sistema Sanitario Nazionale (SSN) nel corso dei primi due anni di vita, n...

caffeina-quanto-fa-bene-e-quanto-puo-essere-dannosa

23 marzo 2023

Caffeina: quanto fa bene e quanto può essere dannosa?

Sapevi che l’80% degli italiani beve circa 1,5 tazzine di caffè espresso al giorno, con un consumo medio pro-capite di ben 6kg all’anno? Ma hai mai pensato che la...

armi-aggiornate-contro-sars-cov-2-i-primi-vaccini-contro-omicron

23 settembre 2022

Armi aggiornate contro SARS-CoV-2: i primi vaccini contro omicron

L’agenzia europea del farmaco e l’AIFA hanno approvato i vaccini aggiornati contro omicron per combattere più efficacemente il SARS-CoV-2. Sono vaccini proposti p...

ecco-nuvaxovid-il-vaccino-di-novavax-e-il-quinto-autorizzato-nell-ue-per-il-sars-cov-2

27 dicembre 2021

Ecco Nuvaxovid il vaccino di Novavax: è il quinto autorizzato nell'UE per il SARS-CoV-2

Si chiama Nuvaxovid, ma è stato già ribattezzato come il vaccino “diverso”, di fatto però il più tradizionale dei vaccini. Arriva in Europa il via libera al quint...